Chiamaci +39 392 069 6426 – +39 328 9578045

Questo gioco fu ideato a Copacabana a Rio de Janeiro, in Brasile, all’inizio degli anni sessanta: alcuni spiaggianti, utilizzando un’improvvisata struttura sul pavimento adiacente la spiaggia, costituita da due pali e una corda, cominciarono a calciare la palla con i piedi, introducendo le regole prese dal beach volley. Oggi, dopo oltre 50 anni, il Footvolley in Brasile è il primo sport da spiaggia, giocato da migliaia di persone e, per la sua peculiarità, da famosi calciatori brasiliani come Aldair, Ronaldo e Ronaldinho. Gli appassionati sono talmente tanti che si è arrivati all’esigenza di costruire stadi da spiaggia permanenti, dove quotidianamente si svolgono tornei dall’alba al tramonto.

Da pochi anni, anche in Europa si stanno disputando veri e propri tornei a Nazioni, grazie all’EFVL (European Footvolley League).

Per l’Italia è uno sport relativamente nuovo che si sta affermando grazie a movimenti guidati da Associazioni Sportive Dilettantistiche come Play Footvolley, Footvolley Lazio e Footvolley Rimini, che con i numeri registrati e gli associati iscritti hanno dato il più grande contributo a livello nazionale.

Oggi oltre alle realtà consolidate di Roma e Rimini, il Footvolley continua a crescere grazie a nuovi movimenti presenti sul territorio.

Il Footvolley o calcio-tennis è una disciplina sportiva giocatada due squadre su un campo di sabbia.

– Il campo da gioco è lungo m 16 e largo m 8 con rete posta a m 1,70 (gare ufficiali m 2,30) da terra che divide il campo in due metà campo.L’altezza della rete così prevista si utilizza per competizioni sia maschili che femminili.

– Alle due estremità della rete devono essere posizionate due aste.

– Ogni squadra può essere composta da: il dirigente, l’operatore del massaggio sportivo, l’allenatore edal massimo 8 giocatori .

– In ogni partita la squadra può convocare 6 giocatori, al massimo 4 in campo e 2inpanchina.

– Lo scopo del gioco per ogni squadra è quello di inviare la palla in modo regolare sopra la rete sul suolo del campo avverso e di evitare che essa cada sul proprio.

– Lʼazione continua fino a che la palla tocca la sabbia o è inviata fuori.

– La formula utilizzata negli incontri è quella del tie-break (in ogni palla giocata è in palio 1 punto e chi si aggiudica il punto ha diritto alla battuta). Gli incontri si disputano al meglio di 2 set su 3 o 3 set su 5 (17 o 21 punti per set ). Il set finale 3/5 si gioca al meglio dei 15 punti, ed al raggiungimento della sommadei 15 punti tra le due squadre si cambia campo. Nel caso di pareggio (17-17 / 20-20), il gioco continua fino al raggiungimento dei due punti di vantaggio da parte di una delle due squadre senza limitazione di punteggio, sempre che non venga stabilito diversamente.

– La partita viene giocata da due squadre in campo con due arbitri e/oun assistente segnapunti. A livello provinciale e regionale le gare sono dirette da un solo arbitro coadiuvato da un segnapunti che può essere messo a disposizione dalla società ospitante.

L’inizio del torneo sarà preceduto da una riunione tecnica con i componenti delle squadre. In base al numero di squadre il torneo sarà organizzato in gironi all’italiana oppure ad eliminazione diretta. Nel caso di tornei con gironi all’italiana quando due squadre hanno lo stesso punteggio per il passaggio si procede a calcolare i set vinti, o la somma punti raggiunta o la monetina.L’organizzazionenon si assume alcuna responsabilità in caso di sottrazione di effetti personali e confida nell’educazione dei presenti per il regolare svolgimento, di mantenere alto il livello di amicizia e lealtà, di fair-play e sportività. Ricordiamo ai partecipanti di moderare il linguaggio adatto all’evento.

IL REGOLAMENTO TECNICO

– L’arbitro tira la monetina e  sidecide  davanti  ai  due  capitani,  la  squadra  che  vince  sceglie  se iniziare il gioco oppure il campo, ogni set si cambia campo.

– La palla viene colpita con ogni parte del corpo, mani e braccia escluse.

-Non sono concessi tocchi di mano, tocchi prolungati o doppi tocchi, si possono fare al massimo tre tocchi per ogni metà campo.

– Si batte con palla sulla sabbia, creando un piccolo avvallamento su cui posizionare la palla,non si può battere né di spalla né di testa né di ginocchio ma solo con il piede.

– Al fischio dell’arbitro la  palla  viene  messa  in  gioco  dal  giocatore  alla  battuta, il  quale  serve calciando  la  palla,cercando  di  inviarla  nel  campo  avverso  facendola  passare  al  di  sopra  della rete.

– Non si può fare muro o schiacciare sulla battuta avversaria.

– Il tocco a muro durante il gioco, vale come tocco numerico, quindi in caso di muro, la squadra che difende può fare due tocchi oltre al muro.

– La  palla  puòtoccare la rete nell’oltrepassarla (anche in battuta). La palla in rete può essere rigiocata  entro il  limite  dei  tre  tocchi.  E’  proibito  toccare  la  rete  e  le  antenne  o  invadere  con buona parte del corpo il campo avversario.

– Durante il servizio il compagno non può ostacolare la visuale agli avversari.

– La  palla  deve  passare  all’interno  delle  due  asticelle  posizionate  ai  lati  della  rete.  Qualora  la squadra che attacca facesse passare la palla “fuori banda”, il punto va alla squadra avversaria.

– Non esiste il cambio palla ed ogni punto viene assegnato immediatamente.

– La palla è fuori quando cade completamente al di fuori delle linee perimetrali (senza toccarle), quando tocca un oggetto fuori dal terreno di  gioco o una persona  al di fuori del  gioco, quando tocca le antenne, i cavi i pali o la rete oltre le bande laterali.

– Toccata la palla si hannodisposizione tre tocchi,  se la palla tocca la sabbia verrà dato il punto alla squadra avversaria

– Il  cambio  di  un  giocatore  in  partita  deve  essere  effettuato  a  palla  ferma  su  autorizzazione arbitrale per un massimo di un cambio per set.

– Solo in caso di infortunio la squadra può chiedere ad uno dei responsabili dell’organizzazione di accettare la sostituzione istantanea. Il giocatore infortunato non può più rientrare fino al termine dell’intero set.

– Viene fischiato fallo di invasione in caso di tocco della rete o di invasione per gioco pericoloso. Le  invasioni  per  gioco  pericoloso  vengono  fischiate  solo  contro  chi  difende;  sono  quelle invasioni  atte  a  non  lasciar  tirare  l’avversario  nelle  vicinanze  della  rete,  generano  spesso contrasti fisici o rendono impossibile il gesto tecnico di chi attacca.

– L’invasione di campo avviene quando si tocca la rete con il corpo o si tocca l’avversario nel suo campo al di sopra della rete. L’invasione di campo commessa dà il punto all’avversario.

– In caso di azioni dubbiose, vale la decisione arbitrale.

– L’arbitro può essere aiutato nel suo compito da giudici di linea.

– Il giudice di gara può ammonire la squadra che ha comportamenti antisportivi, che bestemmia o che contesta il suo operato; nel footvolley o calcio tennis non esistono ammonizioni al singolo giocatore  ma  solo  sanzioni  di  squadra,  dopo  due  ammonizioni  rimediate  nello  stesso  set,  il  set stesso deve considerarsi concluso a favore della squadra avversaria con il punteggio di 17/21-0.

CARATTERISTICHE DEL GIOCO, INSTALLAZIONI ED ATTREZZATURE.CONDIZIONI ATMOSFERICHE

Le condizioni atmosferiche devono essere tali da non rappresentare pericolo per i giocatori.

AREA DI GIOCO

– Lʼarea di gioco comprende il terreno di gioco e la zona libera.

– Il campo da gioco ha una forma rettangolare, può misurare a seconda della manifestazione 12 mx 6 m/ 16m x 8 m. Eʼ circondatoda una zona libera da ostacoli che misuri almeno 3 m in larghezza, con uno spazio inaltezza libero da ogni ostacolo di almeno  7 m fino a 8 m a partire dal suolo.

– Per le competizioni ufficiali internazionali, la zona libera da ostacoli deve misurarealmeno 4m  dalle  linee  laterali  del  campo  e  6m  dalle  linea  di  fondo  campo.  Lo  spazio  libero da ostacoli deve essere in altezza almeno 10m dal suolo.

– La  superficie  di  gioco è  la  sabbia  . Alle  due  estremità  della  rete  devono  essere  posizionate due aste.

– Il  terreno  di  gioco  è  delimitato  da  due  linee  laterali  e  da  due  linee  di  fondo.  Esse  sono inclusenelle dimensioni del terreno di gioco.

– È prevista una linea centrale su cui viene posizionata la rete, posta a metà del campo che lo divide in due zone, una adibita ad ogni squadra.

– Tutte  le  lineesono  di  5/8  cm.  di  larghezza  evengono  utilizzati  dei  nastri  in  materiale resistente.

– Le linee devono essere di colore decisamente contrastante con quello del campo.

 – Le sedie dei  giocatori devono essere poste a 5 metri di distanza dalla linea laterale e  a non meno di 3 metri dal tavolo del segnapunti.

ZONA DIBATTUTA

La zona di battuta èlʼarea situata oltre la linea di fondo.In profondità la zona di servizio si estende fino ad un massimo di 1m. Il giocatore della squadra che batte si deve porre all’esterno della linea di  fondo  campo  e  lanciare  la  palla  nel  campo  avversario  senza  farla  rimbalzare  nel  proprio, calciandola esclusivamente con il piede dopo averla posizionata in terra su un piccolo avvallamento utile  a  poter  calciare. Se  il  battitore  tocca  con  il  piede  la  linea  di  fondo  campo  diventa  punto avversario. La battuta deve passaresempre sopra la rete: non è consentito aggirarla.Al conseguimento di ogni punto si acquisisce il diritto di battuta. La squadra deve far girare i componenti ad ogni battuta effettuata.

RETE, PALIE BANDE LATERALI.

– La  rete  è  di  9,50  m  di  lunghezza  e  m1 di larghezza, tesa verticalmente sopra lʼasse delcentro del terreno.

– Lʼaltezza della rete deve essere di m 2,30, nelle gare ufficiali. Viene misurataal centro del campo con unʼapposita asta.Precisazione: lʼaltezza della rete può essere variata per specifici gruppi dʼetà.

– Eʼ fatta di maglie quadrate di 10 cm di lato. Nelle sue parti superiore ed inferiore sonocucite due  bande  orizzontali larghe  5-8  cm,  preferibilmente  di  colore  blu  scuro  o  di  colorivivaci, cucite per tutta la sua lunghezza totale. Ad ogni estremità della banda superiore cʼè unforo, attraverso il quale una corda fissa strettamente la parte superiore della rete al palo.

– Allʼinterno delle bande ci sono: un cavo flessibile in quella superiore ed una corda inquella inferiore per fissare e tendere la parte superiore ed inferiore della rete ai pali.

– È permessa la pubblicità sulle bande orizzontali della rete e sulle bande laterali

– Due  bande  colorate,  larghe  5-8  cm  (la  stessa  larghezza  delle  linee  del  terreno)  e  di  1  m  dilunghezza,  sonoposte  verticalmente  sulla  rete  al  di  sopra  ed  in  corrispondenza  di  ciascunalinea laterale. Esse sono considerate parti integranti della rete.

– I  pali  che  sorreggono  la  rete  devono  essere  rotondi  e  lisci,  alti 2,80m,  preferibilmenteregolabili.

– Essi  debbono  essere  fissati  al  suolo  ad  una  uguale  distanza  di  0,50 -1  m da  ciascunalinea laterale. Eʼ vietato fissare al suolo i pali per mezzo di cavi.

– I  pali  devono  avere  una  imbottitura.  Deve  essere  evitata  ogni  causa  di  pericolo  o  di impedimento.

– Lʼantenna è unʼasta flessibile in fibra di vetro o materiale similare, di 1,80 m di lunghezzae di 10 mm di diametro.

– Due antenne sono fissate al bordo esterno di ciascuna banda laterale ed ai lati opposti della rete.

– La parte superiore di 80 cm di ogni antenna si estende al di sopra del bordo superioredella rete  ed  è  colorata  a  fasce  alterne  di  10  cm  in  colori  contrastanti,  preferibilmente  rosso  ebianco.

– Le  antenne  sono  considerate  parte  della  rete  e  delimitano  lateralmente  lo  spazio  di passaggio

CARATTERISTICHEDEL PALLONEDI GIOCO.

Esiste un pallone ufficiale. Il  pallone  deve  essere  sferico,  di  materiale  soffice  (pelle  sintetica o  similare  )  che  non  assorbaumidità, cioè adattabile a qualsiasi condizione allʼaperto, anche in caso di pioggia. Esso ha allʼinterno una camera dʼaria di gomma o materiale similare.

Colore: brillante (come arancione, giallo, rosa, bianco, ecc.).

Circonferenza: da cm 66 a cm 68

Peso di 240-260 grammi.

Pressionedi 0,3

I palloni utilizzati in una gara debbono avere le stesse caratteristiche di colore, circonferenza,peso, pressione, tipo, ecc. Le competizioni internazionali ufficiali debbono essere disputate con palloni omologatidalla federazione internazionale. Per le competizioni ufficiali devono essere utilizzati 6 palloni. In questo caso sei raccattapallesono localizzati uno in ciascun angolo della zona libera ed uno dietro ciascun arbitro.

DIRITTI E DOVERI DEI PARTECIPANTI

I   partecipanti   devono   conoscere   le   regole   ufficiali   del Regolamento Ufficiale Csen Nazionale Calcio Tennis;

Devono  accettare rispettosamente  le decisioni  degli arbitri senza discuterle.  Incaso di dubbio, possono essere richiesti dei chiarimenti;

Devono comportarsi rispettosamente e cortesemente, nello spirito delfairplay, non soltanto nei  riguardi  degli arbitri ma anche degli altri ufficiali, degli avversari, dei compagni di squadra e del pubblico;

Devono evitareazioni ed atteggiamenti volti ad influenzare le decisioni degli arbitri o a coprire i falli commessi dalla propria squadra;

Devono evitare azioni tendenti a ritardare il gioco;

È permessa la comunicazione tra i componenti la squadra durante la gara;

Durante la gara, solo il capitano è autorizzato a parlare con gli arbitri quando la palla non è in gioco nei tre casi seguenti:

a. per  chiedere spiegazioni sullʼapplicazione e interpretazione delle regole. Se  le spiegazioni non sono soddisfacenti, deve esprimere immediatamente allʼarbitro il suo dissenso, riservandosi alla fine della gara di confermalo per iscritto sul referto quale di reclamo ufficiale.

b .per domandare lʼautorizzazione: cambiare uniforme od equipaggiamento; verificare il  numero  del  giocatore al servizio; controllare la rete, la palla, la superficie,  ecc.; sistemare una o più linee del campo.

c .per richiedere i tempi di riposo.

– Devono essere autorizzati dagli arbitri ad abbandonare lʼarea di gioco;

– Al termine dellʼincontro: entrambi i giocatori ringraziano gli arbitri e gli avversari. Se uno degli atleti aveva precedentemente espresso il loro dissenso al primo arbitro, ha ildiritto di confermarlo quale reclamo da riportare sul referto.

IL CAPITANO

Prima della gara il capitano della squadra:

– firma le distinte

  -rappresenta la propria squadra al sorteggio. Alla fine dellʼincontro il capitano della squadra verifica i risultati firmando il referto. In ogni momento della gara sarà lʼunico canale di comunicazione tra gli arbitri, gli organizzatorie la propria squadra.

LʼALLENATORE

L’allenatore siede in panchina e può dare disposizioni alla squadra fino alla linea laterale del campo. Insieme al capitano può firmare le distinte e consegnarle agli organizzatori.

SISTEMA DI PUNTEGGIO

1) Incontri secchi o al meglio dei 2set su 3 o dei 3 set su 5 (a seconda della manifestazione):

2) La gara è vinta dalla squadra che si aggiudica i set.

3)Se una squadra rifiuta di giocare dopo essere stata invitata a farlo, è dichiarata perdente per forfait con il punteggio di 0-2 per lʼincontro e 0-17/21, 0-17/21 per i set.

4) La  squadra  che  non  si  presenta  in  tempo  sul  terreno  di  gioco, con un tempo massimo di trenta minuti dall’inizio dell’ora stabilita per la gara, senza una ragione valida, è dichiarata perdente con le stesse modalità previste dalla regola.

5)Una squadra può giocare con un minimo di 3 giocatori (4vs4) di 2 giocatori (3vs3) al di sotto negli altri casi (2vs2) è dichiarata incompleta per il set o per la gara, perde il set o la gara .

6)Si attribuiscono alla squadra avversaria i punti ed i set mancanti per vincere il set o la gara. La squadra incompleta conserva i punti ed i set acquisiti.

SORTEGGIOGARA.

Prima dell’ingresso in campo, gli arbitri effettuano l’appello, l’inizio del giuoco viene effettuato in campo alla presenza dei due capitani delle squadre dopo il saluto tra le squadre e componenti in panchina. Il vincente può sceglie:

– di iniziare al servizio e/o il campo;

– Il perdente ottiene la restante alternativa. Nel secondo set il perdente del sorteggio nel primo setinizierà con il servizio a campi invertiti. Un nuovo sorteggio sarà effettuato nel set decisivo.

RISCALDAMENTO

Prima dellʼincontro, le squadre possono effettuare il riscaldamento.

SQUADRE

– Una  squadra è composta da uno/due/tre/quattro giocatori in campo e al  massimo 2/3 in panchina e iscritti massimo 10.

– Soltanto i giocatori iscritti nella distinta possono prendere parte alla gara.

– Nelle competizioni è permessa la presenza dellʼallenatore, del dirigente e del massaggiatore o operatore del massaggio, in panchina durante lʼincontro.Il capitano della squadra deve essere indicato sulla distinta insieme al vice capitano.

– Lʼequipaggiamento di un giocatore si compone di pantaloncini, maglietta che devono riportare il  numero. I numeri devono essere di colore contrastante rispetto a quello della maglietta. Non possono essere utilizzate scarpe ma solo eventuali fasce per caviglie.

– Ogni squadra deve avere una divisa uguale per tutti i giocatori e pettorine per i giocatori in panchina.

– Se le due squadre si presentano con le maglie dello stesso colore, la squadra che ospita deve cambiarle. In campo neutro le cambia la squadra iscritta per prima sul referto.

– È vietato indossare oggetti ch  possono causar  lesioni ai giocatori, come spille, braccialetti, bende gessate, ecc.

– I giocatori possono portare gli occhiali a loro rischio.

– È vietato indossare divise senza i numeri regolamentari.

– In campo devono trovarsi sempre 1, 2, 3, 4 giocatori per squadra

– È prevista la sostituzione in caso di infortuni.

– Nel momento in cui la palla viene colpita dal battitore, i giocatori di ogni squadra devono trovarsi dentro il proprio campo (ad eccezione del battitore).

– I giocatori sono liberi di scegliere la propria posizione allʼinterno del proprio campo. Non ci sono  posizioni prestabilite. Non è possibile fare il cosiddetto “velo” e quindi impedire la visuale ai giocatori in ricezione del pallone in battuta. Il compagno di squadra del giocatore al servizio non deve impedire che lʼavversario possa vedere il  giocatore al servizio o la traiettoria della palla. Su  richiesta dei giocatori della squadra avversaria, il  giocatore dovrà spostarsi lateralmente.

ORDINE DI SERVIZIO

Lʼordine di servizio deve essere mantenuto dallʼinizio alla fine del set (come determinato dal capitano della squadra immediatamente dopo il sorteggio). È commesso fallo di rotazione quando il servizio non è eseguito in accordo conlʼordine di servizio. Il segnapunti deve determinare lʼesatto momento nel quale tale fallo è stato commesso. Tutti i punti assegnati successivamente alla squadra che ha commesso il fallo devono essere cancellati. Se i punti conquistati mentre il giocatore era in errore di rotazione non possono essere determinati, la perdita dellʼazione è lʼunica sanzione possibile.

AZIONI DI GIOCO

Lʼazione di gioco inizia con il fischio dellʼarbitro. Tuttavia la palla è in gioco dal momento delcolpo di servizio.Lʼazione di gioco termina con il fischio dellʼarbitro. Tuttavia se il fischio è relativo ad un fallo commesso in gioco, la palla è “fuori gioco” dal momento in cui il fallo è commesso. La palla è “dentro” quando tocca la superficie del terreno di gioco, comprese le linee perimetrali. La palla è “fuori” quando:

– cade al suolo  ompletamente al  di fuori delle linee perimetrali (senza toccarle);

– tocca un oggetto fuori dal terreno di gioco, il soffitto o una persona al di fuori delgioco;

– tocca  le  antenne, i cavi, i pali o la rete oltre bande laterali e le antenne;

– attraversa completamente il piano verticale della rete, totalmente o in parteallʼesterno dello spazio di passaggio durante il servizio.

FALLI DI GIOCO

Ogni azione contraria alle regole di gioco è un fallo di gioco. Gli arbitri giudicano i falli e stabiliscono le sanzioni in accordo con queste regole. Cʼè sempre una penalizzazione per un fallo: lʼavversario della squadra che hacommesso il fallo si aggiudica lʼazione digioco .

CARATTERISTICHE DEL TOCCO DI PALLA

Ogni squadra ha diritto ad un massimo di tre tocchi per rinviare la palla al di sopra della rete, e al minimo un tocco prima di mandarla verso il campo avversario. I tocchi di squadra comprendono non solo i contatti intenzionali dei giocatori, ma anche quelli non intenzionali con la palla. Un giocatore non può toccare la palla due volte consecutivamente. Due giocatori possono toccare la palla allo stesso momento. Quando i due compagni di squadra toccano la palla contemporaneamente, siconsiderano due tocchi. Se uno solo di essi tocca la palla, si considera un solo tocco. La collisione fra giocatori della stessa squadra non costituisce fallo. Entro lʼarea di gioco ad un giocatore non è permesso di avvalersi del compagno di squadra o delle attrezzature come supporto per raggiungere e giocare la palla. Tuttavia il giocatore che è sul punto di commettere un fallo (toccare la rete, etc.), può essere trattenuto o tirato indietro dal compagno di squadra. La palla può essere toccata da qualsiasi parte del corpo tranne le mani e le braccia.

FALLI DI TOCCO DI PALLA

Una squadra colpisce la palla quattro volte prima di rinviarla. Un giocatore si appoggia al compagno. La palla inviata nel campo avverso deve passare al di sopra della rete entro lospazio di  passaggio. Lo  spazio di passaggio è la parte del piano verticale della rete delimitata: inferiormente, dalla parte superiore della rete; lateralmente, dalle antenne e dal loro prolungamento immaginario; superiormente, dal soffitto o da altre eventuali strutture. La palla che ha attraversato il piano della  rete verso la zona libera opposta, totalmente o parzialmente al di fuori dello spazio di passaggio, può essere recuperata entro i tocchi previsti per la squadra, a condizione che: la palla quando viene rinviata allʼindietro, attraversi il piano della rete al difuori dello spazio di passaggio dallo stesso lato del campo; la squadra avversa non può ostacolare tale azione. La palla è “fuori” quando oltrepassa completamente il piano verticale della rete sotto di essa. Nellʼoltrepassare la rete, la palla può toccarla. La palla inviata in rete può essere ripresa entro il limite dei tre tocchi permessi. Se la palla rompe le maglie della rete o la fa cadere, lʼazione è annullata edeveessere rigiuocata. Ogni squadra deve giocare nel suo campo e spazio di gioco. Tuttavia, la palla può essere recuperata anche oltre la zona libera.

CONTATTO CON LA RETE

È proibito toccare la rete e le antenne o invadere con buona parte del corpo il campo avversario. Dopo aver giocato la palla, un giocatore può toccare i pali, i cavi o qualsiasi oggetto oltre la lunghezza totale della rete, a condizione che tale azione non interferisca sul gioco. Non è fallo se la palla inviata contro la rete causa il contatto di questʼultima con un giocatore.Il contatto accidentale dei capelli con la rete non è fallo. Un  giocatore che tocca la  rete o penetra nello spazio, nel campo e nella zona libera avversa interferendo con il gioco commette fallo.

IL SERVIZIO

Ilservizio è lʼatto della messa in gioco della palla effettuato dal giocatore che si trova nellazona di servizio e che colpisce la palla, opportunamente sistemata sulla sabbia, con il piede che ritiene opportuno.Il primo servizio del set è effettuato dalla squadra che ne ha ottenuto il diritto con il sorteggio.Dopo il primo servizio del set, il giocatore che serve è designato come segue:

I. quando la squadra al servizio vince lʼazione di gioco, il giocatore che lo avevaprecedentemente effettuato, serve di nuovo.

II. quando la squadra in ricezione vince lʼazione di gioco, ottiene il diritto a servire e il giocatore che non ha servito lʼultima volta dovrà servire. Il primo arbitro autorizza lʼesecuzione del servizio dopo aver controllato che il giocatore al servizio sia in possesso della palla dietro la linea di fondo e che le due squadre siano pronte a giocare.

FALLI DI SERVIZIO

I seguenti falli causano un punto alla squadra avversaria. Il giocatore al servizio :non rispetta il turno di battuta; non effettua correttamente il servizio. Dopo che la palla è stata  colpita correttamente, il servizio diventa falloso se l  palla: tocca  un giocatore della squadra al servizio o non oltrepassa il piano verticaledella rete; va fuori

TEMPI DI RIPOSO

Il tempo di riposo è unʼinterruzione regolamentaretra un set e l’altro della durata di 5minuti. Ogni squadra ha diritto ad un massimo di 1 time-out per set per un massimo di 60 secondi. I tempi di riposo possono essere richiesti dai giocatori solo quando la palla è fuori gioco e prima del fischio di autorizzazione del servizio, mostrando il corrispondente gesto ufficiali. È improprio richiedere il time-out nel corso di unʼazione di gioco o al momento del servizio o dopo il fischio di autorizzazione del servizio.

RITARDI DI GIOCO

Un’ impropria  azione di una squadra che differisce la ripresa del gioco costituisce un ritardo di gioco, come ad esempio fra lʼaltro: prolungare il tempo di riposo, dopo aver ricevuto lʼinvito a riprendere il gioco; il ripetersi di una richiesta impropria nello stesso set; ritardare il gioco. La squadra responsabile di un primo ritardo in un set è sanzionata con “avvertimento per ritardo”. Il secondo ed i successivi ritardi di ogni tipo della stessa squadra nello stesso set, costituiscono fallo e sono sanzionati con la “penalizzazione per ritardo” con perdita dellʼazione di gioco e punto avversario.

INTERRUZIONI ECCEZIONALI DI GIOCO

Se si verifica un incidente grave mentre la palla è in gioco, lʼarbitro deve interrompere immediatamente il gioco. Lʼazione va quindi rigiuocata. Lʼarbitro deve autorizzare il medico ufficialmente accreditato ad entrare sul terreno per assistere il giocatore. Soltanto lʼarbitro può autorizzare il giocatore a lasciare lʼarea di gioco. Se il giocatore non recupera o non ritorna nellʼarea di gioco verrà sostituito. In casi estremi, il medico della competizione o i  supervisore tecnico possono opporsi al ritorno in campo del giocatore infortunato. Se si verifica unʼinterferenza esterna durante il gioco, lʼazione deve essere interrotta e rigiuocata. Quando circostanze impreviste provocano lʼinterruzione di una gara, il primo arbitro, gli organizzatori la Giuria, se è presente, decidono le misure da adottare per ristabilire le condizioni normali. Nel caso di una o più interruzioni, la cui durata totale non superi le quattro ore, la gara è ripresa con il punteggio acquisito sia che essa prosegua sullo stesso o su un altro campo. I set già giocati restano validi. Nel caso di una o più interruzioni, la cui durata  totale eccede le quattro ore, lʼincontro verrà rigiocato da capo.

CAMBI DI CAMPO

Le squadre cambiano campo ogni set. Nel set decisivo 3/5 quando il totale della somma dei punti è 15 ( es. 8 a 7; 9 a 6; ) si cambia campo.

INTERVALLI

Lʼintervallo tra ogni set (nel  caso  ne  siano  giocati  più  di  uno) ha una durata di 5 minuti. Nel set finale si cambia campo quando la somma del risultano del punteggio delle due squadre è 15. Se il cambio di campo non viene eseguito al momento dovuto, verrà effettuato non appenaci si accorgerà dell’errore. Il punteggio acquisito al momento in cui il cambio di campo è effettuato, rimane invariato.

CONDOTTA SCORRETTA

La condotta scorretta di un componente la squadra verso gli ufficiali, gli avversari, il suo compagnodi squadra, o il pubblico, è classificata in quattro categorie secondo la gravità degli atti. Condotta antisportiva: discussione, intimidazione, ecc. Condotta maleducata: azione contraria alle buone maniere o ai principi morali, espressioni deplorevoli. Condotta ingiuriosa: gesti o parole insultanti o diffamatori. Aggressione: attacco fisico o tentativo di aggressione.

SANZIONI

In relazione alla gravità della condotta scorretta, a giudizio del primo arbitro, le sanzioni applicabili sono:

AVVERTIMENTO   PER   CONDOTTA   SCORRETTA:  La  condotta  antisportiva  non comportauna penalizzazione, ma il componente della squadra interessato è avvertito per un eventualerecidiva nel corso del medesimo set.

PENALIZZAZIONE   PER   CONDOTTA   SCORRETTA:  Per  condotta  maleducata,  la squadra è sanzionata con la perdita del servizio o con lʼassegnazione di un punto alla squadra avversaria, se questa era al servizio.

ESPULSIONE: La ripetizione della condotta maleducata è sanzionata con lʼespulsione. Il giocatore sanzionato deve lasciare il campo e la sua squadra è dichiarata incompleta per il set.

SQUALIFICA: Per condotta ingiuriosa ed aggressiva il giocatore deve lasciare lʼarea digioco e la sua squadra è dichiarata incompleta per lʼintero incontro. Il ripetersi della condotta scorretta da parte della stessa persona nel medesimo set è sanzionato progressivamente come previsto nella scala delle sanzioni. Un giocatore può ricevere più di una penalizzazione in un set . La squalifica dovuta a condotta ingiuriosa o a aggressione non richiede sanzioni precedenti. Qualsiasi condotta scorretta tenuta prima o tra i set, è sanzionata secondo quanto previsto e lesanzioni sono applicate nel set seguente.

COLLEGIO ARBITRALE

Il collegio arbitrale per una gara può essere composto dai seguenti ufficiali

:-il primo arbitro

-il secondo arbitro

-il segnapunti

-quattro (due) giudici di linea.

Soltanto il primo ed il secondo arbitro possono fischiare durante la gara. Il primo arbitro fischia per autorizzare il servizio che dà inizio allʼazione digioco. Il primo ed il secondo  arbitro fischiano la fine dellʼazione, se sono certi che sia stato commesso un fallo e ne hanno individuato la natura. Possono fischiare durante unʼinterruzione di gioco, per indicare che autorizzano o respingono una richiesta della squadra. Immediatamente dopo aver fischiato la fine dellʼazione, devono indicare con i gesti ufficiali: la squadra che deve effettuare il servizio; la natura del fallo; il giocatore che lo ha commesso.

PRIMO ARBITRO

Il primo arbitro svolge le sue funzioni seduto o in piedi su un seggiolone sistemato ad una delleestremità della rete. I suoi occhi devono trovarsi approssimativamente 50 cm al di sopra dellarete. Il primo arbitro dirige la gara dallʼinizio alla fine. Egli ha autorità su tutti i componenti del collegio arbitrale e sui giocatori. Durante la gara le sue decisioni sono definitive. Egli è autorizzato ad annullare le decisioni degli altri componenti il collegio arbitrale, se giudicache questi siano in errore. Egli può sostituire chi non assolvesse bene le proprie funzioni. Il primo arbitro controlla altresì lʼoperato dei raccattapalle. Ha autorità per decidere su ogni questione concernente la gara, anche su quelle non specificate dalle regole. Non deve permettere alcuna discussione sulle sue decisioni. Tuttavia, a richiesta di un giocatore, deve dare spiegazioni sulla applicazione o interpretazione  delle regole su  cui ha basato la sua decisione. Se il giocatore esprime immediatamente il suo dissenso sulle spiegazioni, il primo arbitro deve autorizzarlo ad annotarei fatti sul referto, per poi presentare reclamo a fine gara. Per le competizioni ufficiali il reclamo deve essere immediatamente esaminato e deciso dalla commissione apposita, così da non alterare in ogni caso il prosieguo del torneo. Ha la responsabilità di decidere prima e durante la gara sulle condizioni dellʼarea di gioco e sulle appropriate condizioni delle attrezzature di gioco. Prima dellʼincontro il primo arbitro: controlla le condizioni dellʼarea di gioco, dei palloni e delle attrezzature; esegue il sorteggio alla presenza dei due capitani; controlla il riscaldamento delle squadre. Durante la gara, solo il primo arbitro è autorizzato: a sanzionare le condotte scorrette ed i ritardi  di  gioco; a  decidere  su:

– i falli del giocatore al servizio;

-i falli di velo della squadra al servizio;

-i falli di tocco di palla;

-i falli sopra la rete e sulla sua parte superiore

SECONDO ARBITRO

Il secondo arbitro svolge le sue funzioni in piedi vicino al palo, fuori dal terreno di gioco e difronte al primo arbitro. Il secondo arbitro assiste il primo, ma ha anche il proprio ambito di competenze. Può rimpiazzare il primo arbitro se questi è impossibilitato a continuare a svolgere le sue funzioni. Egli può, senza fischiare, segnalare al primo arbitro i falli fuori dalla  sua competenza, ma senza insistere. Controlla lʼoperato del segnapunti. Autorizza i tempi di riposo e di cambi di campo, ne controlla la  durata e respinge le richieste  improprie. Controlla, durante lʼincontro, se i palloni mantengono le condizioni regolamentari. Durante la gara il secondo arbitro, decide, fischia e segnala: il contatto dei giocatori con la parte inferiore della rete e dellʼantenna dalla sua parte; lʼinterferenza dovuta allʼinvasione di campo e spazio avversario sotto la rete; la palla che attraversa la rete al di fuori dello spazio di passaggio o toccalʼantenna situata dalla sua parte del campo; il contatto della palla con un oggetto esterno.

SEGNAPUNTI

Il segnapunti esplica le sue funzioni seduto ad un tavolo sistemato dalla parte opposta e difronte al primo arbitro. Egli compila il referto secondo le regole, in collaborazione con il secondo arbitro. Prima della gara e di ciascun set, il segnapunti registra i dati della gara e delle squadre, secondo le modalità previste, e raccoglie le firme dei capitani. Durante lʼincontro il segnapunti: registra i punti acquisiti e controlla la concordanza con il tabellone segnapunti; registra il servizio che ciascun giocatore esegue set; indica lʼordine di servizio  di ciascuna squadra mostrando un cartello numerato con “1” o “2” corrispondente al giocatore al servizio.  Segnala  eventuali errori agli arbitri immediatamente; registra i tempi di  riposo controllandone il numero ed informandone il secondo arbitro; segnala agli arbitri le richieste improprie dei tempi di riposo; comunica agli arbitri la fine dei set e i cambi di campo. Alla fine dellʼincontro il segnapunti: registra il risultato finale; dopo aver firmato egli stesso il referto, raccoglie le firme dei capitani dellasquadra e degli arbitri. In caso di un reclamo, scrive o permette al giocatore interessato di scrivere sul referto una dichiarazione sullʼepisodio contestato.

GIUDICI DI LINEA

È obbligatoria la presenza di due giudici di linea nelle gare internazionali. Essi si dispongono diagonalmente, ai due angoli opposti nella zona libera, da 1 a 2  metri dallʼangolo. Ognuno di loro controlla sia la linea di fondo che quella laterale della propriaparte. Se sono impiegati 4 giudici di linea, essi si posizionano nella zona libera, da 1 a 3 metri da ciascun angolo del campo sul prolungamento immaginario della linea che controllano. I giudici di linea assolvono le loro funzioni per mezzo di bandierine (30×30 cm): segnalano la palla “dentro” e “fuori”  ogni  qualvolta la palla cade al suolo nelle vicinanze della linea/e di loro competenza; segnalano “palla toccata” quando cade “fuori” dopo che è stata precedentemente toccata da un giocatore della squadra ricevente la palla; segnalano quando la palla supera la rete al di fuori dello spazio di passaggio, tocca le antenne, ecc. Il giudice di linea più vicino alla traiettoria della palla è primariamente il responsabile della segnalazione ;i giudici di linea responsabili delle linee di fondo segnalano il fallo di piede dei giocatori al servizio. Su richiesta del primo arbitro, il giudice di linea deve ripetere la segnalazione.

SEGNALAZIONI UFFICIALI

Gli arbitri ed i giudici di linea devono indicare con la segnalazione ufficiale appropriata la natura del fallo sanzionato o delle interruzioni accordate, nel seguente modo:

La segnalazione è mantenuta per un momento, e se è effettuato con una mano, essa corrisponde al lato della squadra che ha commesso il fallo o che richiede lʼinterruzione. Successivamente lʼarbitro indica il giocatore che ha commesso il fallo o la squadra che richiede lʼinterruzione. Lʼarbitro indica infine la squadra alla quale assegna il successivo servizio. I giudici di linea devono indicare la natura del fallo sanzionato, usando la segnalazione ufficialee mantenendola per un breve lasso di tempo.

GLI ORGANIZZATORI

a)  Lʼorganizzazione  generale del torneo e delle competizioni sono gestite dal comitato organizzatore.

b) Possono essere scelti dallo Csen Settore Nazionale Calcio tennis.

c) Sono gli unici responsabili della fase organizzativa.

d) Hanno il compito di organizzare il torneo secondo le regole e le modalità riportate dal regolamento ufficiale stilato dallo Csen Settore Nazionale Calcio tennis.

e) Devono controllare il regolare svolgimento del torneo:

I. controllando la regolare iscrizione dei partecipanti al torneo, raccogliendo la quota dʼiscrizione e la documentazione necessaria allʼiscrizione stessa.

II. controllando, prima di ogni partita, le liste delle squadre partecipanti.

III. stilando, dopo ogni giornata, la classifica.

IV. restando in qualsiasi momento, durante e disponibili per qualsiasi chiarimento in merito lo svolgimento del torneo, sempre reperibili alla fase organizzativa del torneostesso.

f) Per qualsiasi problema organizzativo, devono rivolgersi allo Csen  Settore  Nazionale  Calcio tennis.

LA FASE ORGANIZZATIVA

La fase organizzativa prevede:

a) il controllo del corretto svolgimento del torneo, secondo le regole e le modalità stabilite dello Csen Settore Nazionale Calcio tennis.

b) lʼesposizione delle regole  del  torneo, della classifica e  del calendario in una zona visibile ai partecipanti e al pubblico.

c) la mediazione con gli sponsor.

 

Chiudi il menu